Pegher fest

Pegher Fest su Facebook

Nel lontano 1992 a fronte di una provocatoria proposta fatta dall’allora Parroco don Leone in modo occasionale ad un gruppo di brattesi in merito all’organizzazione di una festa “in famiglia” balzò alla mente quel nome che i vicini di Dorga e di Castione proferivano spesso con ironia:“pégher de Bràt! “ Ed allora ecco l’intuizione di fare la festa dei pégher: la pégherfest. La proposta suscitò perplessità quasi da istintivo rifiuto da parte di alcuni, stupore da parte di altri, curiosità da parte di altri ancora: Pégherfest. Si rischiava un’ulteriore irrisione nei nostri confronti; va bene sopportarla, ma andarcela a cercare di nostra iniziativa poteva sembrare eccessivo. Gli abitanti di Bratto portano in effetti questo soprannome di paese da secoli, da quando si sono dedicati per la loro sopravvivenza soprattutto alla pastorizia, con transumanze tra il monte e la pianura bresciana. Presto abbiamo concordato fosse cosa intelligente, e quindi in controtendenza alle provocazioni, la proposta della pégherfest. Il tempo e la pazienza per attenuare la perplessità iniziale soprattutto di alcuni anziani, che per tanto tempo si erano visti sbeffeggiare con un tal nomignolo e l’aver messo mano con entusiasmo e sana ironia alla iniziativa ha giovato presto a trovare o far diventare tutti concordi. E così pégherfest poteva essere e così è stata da quel lontano 1992. Con la disponibilità di volontari del gruppo ‘storico’ e di volti nuovi di anno in anno; con mezzi inizialmente ‘poveri’ e poi sempre più adeguati; con la partecipazione magari un po’ timida all’inizio, come è giusto che sia per noi gente di montagna, e poi via via cresciuta per la numerosa e vivace presenza degli abitanti del paese; con l’allargamento gradito anche a gente di altri paesi. Contenti tutti di condividere i giorni di festa e la letizia del trovarsi. Per una ormai generale consapevolezza che i pégher dè Bràt, pur mantenendo ora quasi con orgoglio e sorridendo il loro soprannome, sono però tutt’altro che senza fantasia e iniziativa. I decenni lo hanno dimostrato. In questa come in mille altre occasioni.

Programma


Eventi e tradizioni

Venerdì 5 ottobre
• ORE 21.00: I "TIME OUT BAND"
official cover band Max Pezzali e 883
IN CUCINA: panini imbottiti con salame, formaggio, strinù e patatine fritte
SERVIZIO BAR
Sabato 6 ottobre
ORE 18.00 S.Messa presso la Chiesa Parrocchiale di Bratto
ORE 19.00 servizio cucina per piatti da asporto
ORE 19.15 apertura servizi ristorazione
ORE 21.00 serata danzante con “Mercato dei sogni”
Durante tutta la serata giochi a premi ed intrattenimento
Domenica 7 ottobre
ORE 11.00 sfilata delle pecore: “Pecora in pinacoteca”
ORE 12.00 servizio cucina per piatti da asporto
ORE 12.15 apertura servizi ristorazione
ORE 14.00 tombola con ricchi premi
ORE 15.00 animazione e giochi per bambini con “Carlito”
ORE 16.00 merenda per i più piccini
ORE 18.00 S.Messa presso la tendostruttura della festa
ORE 19.00 apertura servizi ristorazione
ORE 19.30 tradizionale vendita all'incanto
ORE 20.45 serata musicale con “Roberto Salvetti"
Celentano live show tribute”

Menu



Le nostre specialità

Cena di sabato 6
casoncelli alla bergamasca
trippa
stracotto d’asino con polenta
costolette d’agnello
castradina cruda (prosciutto d’agnello)
castradina alla piastra con polenta
strinù con pane o polenta

Pranzo di domenica 7
foiade ai funghi porcini
agnello arrosto con polenta
capù con polenta
castradina cruda (prosciutto d’agnello)
castradina alla piastra con polenta
strinù con pane o polenta
involtini porcellini

Cena di domenica 7
castradina cruda (prosciutto d’agnello)
castradina alla piastra con polenta
strinù con pane o polenta
costine di maiale al forno con polenta

tutti i giorni: servizio bar con piccola enoteca del "Pegher"

Castione della Presolana



Luoghi e colori

Situata a circa 1000 mt. di altitudine, incastonata tra foreste di abeti, faggi e pini secolari, Castione della Presolana si trova in una splendida posizione geografica ai piedi del Massiccio della Presolana (mt. 2521), rinomata sin dagli inizi del novecento per il clima benefico e per l'incantevole paesaggio naturale. "Perla delle orobie" e regina del turismo locale e delle seconde case, Castione trae le sue origini in epoca preistorica, quando era abitata da antiche popolazioni che vivevano di caccia e di pastorizia. Scoperta negli anni '30 dal turismo cittadino ed elitario di nobili ed intellettuali viaggiatori, divenne, nel corso degli anni '60, la gemma estiva ed invernale delle stazioni climatiche sportive, una delle più importanti della Lombardia. Castione della Presolana ha mantenuto nel tempo quello charme rurale, quell'autenticità un po' naif, senza rinunciare alle moderne innovazioni in grado di soddisfare l'ospite più esigente.


0346.38397


Campo sportivo di Bratto
Via Confalonieri 14

Invia

Dichiaro di aver preso visione delle policy sul trattamento dei miei dati personali (informativa)